In questa sezione vengono narrate le storie che hanno reso celebri le due più note case di sidecar al mondo. 

Clicca sul logo e buona lettura!

 

DNEPR

DNEPR

 

URAL

URAL


I PRIMI SIDECARS RISALGONO AGLI INIZI DEL SECOLO NATI COME VALIDA ALTERNATIVA ECONOMICA ALLE AUTOMOBILI ED IL TELAIO DELLA CARROZZA TALVOLTA VENIVA UTILIZZATO PER L’ESCLUSIVO TRASPORTO MERCI. TUTTE LE GRANDI CASE MOTOCICLISTICHE DELL’EPOCA (BMW, ZUNDAPP, IMZ (DELLA URAL) , BSA, NORTON, NONCHE’ L’ITALIANA GUZZI) PRODUSSERO DIVERSI MODELLI DI SIDECAR SIA PER USO CIVILE CHE MILITARE. UN EVOLUZIONE NON DA POCO DEL SIDECAR CONSISTETTE NELL’USO DELLA TRAZIONE SUL CARROZZINO COLLEGATO TRAMITE CARDANO ALLA RUOTA POSTERIORE DELLA MOTO. DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE I SIDECARS DIVENNERO FORSE IL VEICOLO DA TERRA PIU’ USATO IN ASSOLUTO. LA BMW E LA ZUNDAPP SOTTO HITLER GIA’ NEI PRIMI ANNI 30 PROGETTARONO MODELLI COME IL BMW R71 ED R75 E LA ZUNDAPP KS 750.

IL PRIMO (BMW R71) DIVENNE IL SIDECAR SIMBOLO DELLA WEHRMACHT, (NOME ASSUNTO DELLE FORZE ARMATE TEDESCHE) UTILIZZATO IN MOLTE CAMPAGNE. I SIDECARS  SI RIVELARONO EFFICIENTI PER LA MAGGIOR AGILITA’ E RAPIDITA’ DI AZIONE, PER LA LORO MANOVRABILITA’, AFFIDABILITA’, ECONONOMICITA’ E FACILITA’ DI MANUTENZIONE. TRASPORTANDO UNA MITRAGLIATRICE ED UN SOLDATO SUL SIDECAR , PIU’ I RIFORNIMENTI NECESSARI, L’ARMA SIDECAR STAVA COMINCIANDO LA SUA LEGGENDA. IL TERZO (ZUNDAPP KS 750) ADOTTAVA GIA’ 70 ANNI FA L’IMPIANTO IDRAULICO FRENANTE! INOLTRE I MODELLI  PER LA CAMPAGNA IN AFRICA FURONO DOTATI   DEL FILTRO SOPRA IL SERBATOIO E LO SCARICO SOPRAELEVATO, OSSIA IL PRIMO SIDECAR ANFIBIO DA GUERRA! NEL FRATTEMPO IN RUSSIA (CORREVA L’ANNO 1939) SE DA UNA PARTE SOTTOSCRIVEVA L’ALLEANZA CON I TEDESCHI PER LA SPARTIZIONE DELLA POLONIA , DALL’ALTRA SI PREOCCUPO’ DI INVESTIRE NEL RAFFORZAMENTO DELL’APPARATO MILITARE. SI SOSTIENE CHE CONTESTUALMENTE AL PATTO RIBBENTROP -MOLOTOV DEL 1939 I TEDESCHI CEDETTERO  I PROGETTI DEL SIDECAR BMW R71 CHE FU “CLONATO” DAI RUSSI CON IL MODELLO DNEPR M72. 

IN REALTA’ GLI INGEGNERI RUSSI STAVANO SMANTELLANDO RAPIDAMENTE 5 BMW R71 COMPERATE DALLA GERMANIA TRAMITE “OCCULTI” MEDIATORI SVEDESI. FURONO COPIATI E PRODOTTI INIZIALMENTE A MOSCA IN TUTTO E PER TUTTO, NEI MINIMI DETTAGLI,  FINO ALLA FILETTATURA DELLE VITI. MA GLI STRATEGHI RUSSI PENSANDO ALLA VULNERABILITA’ DELLA FABBRICA BELLICA POSIZIONATA PROPRIO SU MOSCA, POSSIBILE BERSAGLIO DELL’AVIAZIONE TEDESCA, OPTARONO PER LA COSTRUZIONE DI UN IMPONENTE IMPIANTO DI FABBRICAZIONE IN UN LUOGO PIU’ SICURO, MAGARI VICINO ALLE MONTAGNE (URALI…), TRA LE PIANURE SIBERIANE, PARTENDO INIZIALMENTE DA UN CAPANNONE PER LA FABRICAZIONE DELLA BIRRA SULLA PICCOLA ZONA INDUSTRIALE DI IRBIT. QUANDO L’ARMATA TEDESCA ORMAI INVASA LA RUSSIA SI TROVAVA AI PIEDI DI MOSCA IL GENERALE RUSSO ZUKOV SFERRO’ UNA MASSICCIA CONTROFFENSIVA LIBERANDO IN BATTAGLIA PIU’ DI 5000 URAL M72, FIGURARSI LO STUPORE DEI SOLDATI TEDESCHI CHE SI TROVAVANO A COMBATTERE PER LA PRIMA VOLTA CONTRO I LORO STESSI MEZZI, IDENTICI E PIU’ FORTI!

FINITA LA GUERRA A DETROIT LA FILOSOFIA DI HENRY FORD (AD OGNI AMERICANO UN’AUTOMOBILE..) PRODUCEVA GIA’ UTILITARIE A BASSO COSTO E LE CASE AUTOMOBILISTICHE OCCIDENTALI SEGUIRONO L’ESEMPIO. L’ASCESA ESPONENZIALE DELL’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA FU L’INIZIO DEL DECLINO DELLA PRODUZIONE DEL SIDECAR. IN RUSSIA PER CONTRO, VENIVANO POTENZIATE LE GRANDI LINEE FERROVIARIE GIA’ REALIZZATE IN EPOCA ANTE GUERRA E LA COLLAUDATA INDUSTRIA MILITARE DELL’URAL, IMZ (IRBIT MOTOR ZAVOD) ORIENTO’ LA SUA PRODUZIONE VERSO L’USO CIVILE. NEI PRIMI ANNI 50 UN GRUPPO DI INGEGNERI DELL’IMZ DOVETTERO STABILIRSI A KIEV PER ASSISTERE ALLA NASCITA DI UN NUOVO STABILIMENTO PER LA PRODUZIONE DI MOTOCICLI. NACQUE LA KMZ (KIEV MOTOR ZAVOD) MADRE DI TUTTO IL FILONE DEI MODELLI DNEPR. IL PRIMO MODELLO, IL DNEPR K750, FU ANCHE L’UNICO DNEPR PRODOTTO PER L’ESERCITO CON IL MODELLO K750 M SUCCESSO AL GLORIOSO M72. PER ALCUNI DECENNI LA DNEPR DIVENNE LA PIU’ GRANDE FABBRICA PRODUTTIVA DI MOTOCICLI RUSSI, ESPORTATI IN TUTTI I PAESI SATELLITI E PERSINO IN INGHILTERRA DOVE IL DNEPR K750 PRESE IL NOME DI “COSSAc 650 d” PRODOTTO DALLA S.A.T.R.A (SOVIET AMERICAN TRADE ASSOCIATION ). COL PASSARE DEL TEMPO I TELAI DELLA DNEPR FURONO SNELLITI, L’IMPIANTO ELETTRICO FU MIGLIORATO, MA LA MECCANICA DI BASE, SOLIDA E AFFIDABILE FU SOSTANZIALMENTE CONSERVATA. LA RECENTE CADUTA DELL’IMPERO SOVIETICO SANCI’ IL DECLINO DELLA IMZ DELLA KMZ, DELLA ISH E DELLE ALTRE CASE MOTOCICLISTICHE DEI PAESI SATELLITI COME LA JAWA IL CUI TARGET DI MERCATO PRIMARIO ERA LA STESSA RUSSIA. OGGI VENGONO PRODOTTI SIDECAR NUOVI ESCLUSIVAMENTE SU ORDINAZIONE DEGLI APPASSIONATI, MODELLI NUOVI, SEPPUR RIVISITAZIONI DEI VECCHI  GLORIOSI SIDECAR DEL PASSATO, ORIGINALI ED IRRIPETIBILI.